Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia "Italia Oggi"...

Scritto da: -

artibastia.JPG

Ogni tanto rimango di sasso. Per le più differenti motivazioni, una delle quali può essere catalogata nelle "lamentele a sproposito". Nell'articolo qui sopra, pubblicato oggi da Italia Oggi, abbiamo trovato questo articolo dal titolo "Una spremuta a peso d'oro".

E che sarà mai questo peso d'oro? Andiamo a leggere. Un lettore ha mandato a Italia Oggi un scontrino della pasticceria Bastianello per lamentarsi dei folli prezzi del bar. Cinque euro per una spremuta.

Il lettore scrive: Oggi sono entrato in un bar milanese nei pressi di piazza San Babila, non in piazza San Babila. Ho chiesto una spremuta di arancio da consumare al banco e mi sono visto chiedere 5 euro (10mila lire, signori).
Convinto che la cassiera si fosse sbagliata e avesse creduto che volessi consumare l'aranciata ai tavoli, ho detto: "Scusi, 5 euro?". La risposta raggelante, unita allo scontrino che stava uscendo dall'emettitrice proprio in quel momento, è stata:  "Certo, 5 euro".
Per non fare la figura del pirla (a Milano si dice così) ho girato tacchi senza fiatare e mi sono dedicato a seguire il rito della spremitura: due arance sole, mezzo bicchere di succo.

Allora, vediamo un attimo di analizzare la situazione. 

Punto primo: "figura del pirla" credo sia diffuso in tutta la penisola. Vabbè, ma questo non è importante. Riproviamo.

Punto primo: Non capisco perchè Italia Oggi abbia accettao di pubblicare una lettera di questo genere con un simile titolo e con tanto di occhiello che riportava Il Caso.
Ma Il Caso di cosa? Non vi è mai capitato di uscire a prendere un aperitivo in un posto "in" di Milano? Io ho pagato anche dodici euro per un cocktail e ne ho seguito anch'io il rito, come ha fatto il signore con la spremuta: 78 pezzi di ghiaccio, e tre parti uguali ma invisibili di vermouth rosso, campari e gin. Per un mojito la situazione è anche peggiore, ma non fatemi spiegare anche questo.

Punto secondo: il signore entra in un bar milanese nei pressi di piazza San Babila, non in piazza San Babila. Vabbè, che lo sia o non lo sia poco importa, magari è il caso di leggere l'insegna: Bastianello non è il Bar all'Angolo Bello che ho visto un paio di giorni fa a "Borgo tre case". Quindi è normale che anche un caffè, magari, non sia proprio economico.

Punto terzo: uno arriva alla cassa, paga cinque euro una spremuta per non fare la figura del pirla e poi si lamenta mandando lo scontrino al giornale che ne crea un inutile caso?

La prossima volta consiglio un'altra tattica: se non va bene il prezzo non c'è figura da pirla che tenga. Si dice no grazie e si esce. Andando il più possibile lontano dal centro. Solo così si evitano sovrapprezzi.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: Claudio

    Qui non è questione di figure da pirla o meno, è una questione di correttezza.Non è possibile che i commercianti, per mezzo dei loro portavoce, dicano che le tasse sono troppo alte e poi sparano 5 euro per due arance spremute. Siamo onesti, mettiamo insieme tutti i costi che Bastianello (e chi per lui) sostengono, ad essere larghi di maniche si arriverà al massimo a 1,50 euro 2 se le arance arrivassero da Peck. non è un ricarico un po' eccessivo?Ciò premesso, il signore in questione avrebbe dovuto girare i tacchi si, ma per uscire dal locale, come avete suggerito.E, per voi, una sola nota a margine: Bastianello non aveva gli stessi prezzi odierni nel negozio di Via Carducci, nonostante il proprietario abitasse (in affitto) proprio sopra il negozio con un appartamento vista S. Ambrogio)... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: Matteo Failla - Milano 2.0

    Partendo dal presupposto che quella che hai letto nel post è una considerazione assolutamente personale, vorrei comunque far notare che non ho legittimato il prezzo.Come i cocktail a 12 euro nei locali "in" non sono giustificati non lo è neanche una spremuta da 5 euro in un bar "in". Anche io ci sarei rimasto. Però non avrei montato un caso.Le soluzioni sono due: o ci si rifiuta di pagare (prima della consumazione) se si è capitati in un bar "in" senza saperlo, oppure si evita di entrare in un bar che già in partenza si sa essere costoso.Se vuoi fare una spesa economica non vai da Peck, giusto? Se vuoi mangiare e pagare il giusto non vai da Biffi, giusto? Lo stesso vale per una spremuta bevuta in un bar con un "nome".  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: dug

    Avete presente gli affitti dei negozi nel centro di Milano? Anch'io non apprezzo i prezzi che ci sono in giro, ma ad esempio Taveggia ha chiuso per le spese che non poteva piu' affrontare, nonostante tenesse i prezzi più alti Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: Francesco

    BEH no dai Matteo...Bastianello è un ladro...c'è un altro bar ancora + vicino a san babila dove il caffe costa 80 cent, da bastianello ti ladrano 1 euro. Gelato 2 gusti 3 euro. Spremuta ridicola 5 euro. Bastianello è un ladro clamoroso, anche xche parlo di prezzi al banco, non oso immaginare cosa venga un caffe seduti...Nei locali in paghi anche 10 euro il cocktail, ma sei in un locale in, Bastianello che ha di in?  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: Matteo Failla - Milano 2.0

    Ha di diverso solo il nome. E anche quello conta :-)Se è caro basta evitarlo. Io ho trovato prodotti di rosticceria più buoni altrove  piuttosto che da Peck. Eppure quest'ultimo ha prezzi esorbitanti :-) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: luciano bastianello

    amici miei,ma non avete altro da fare? e tutto questo arieggiare la bocca,non vi fa venire sete? Suvvia,fate la pace e andate da bastianello a bere un'ombra di prosecco,alla mia salute,naturalmente.Augurandovi che il vino vi levi l'amaro dalla bocca,vi saluto affettuosamente,vostro...bastianello. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: cibbuzz

    Secondo me, bisognerebbe considerare anche l'atmosfera fiabesca che si respira nel suddetto bar..tutto è confezionato e/o servito in modo assolutamente prefetto...il caffè ad esempio viene servito in tazze Villeroy, non in tazzine cinesi. e poi chiunque sa che i prezzi dei bar o ristoranti situati nei pressi del centro sono molto più alti del normale...dovevi aspettartelo!Non lo dico solo perchè Bastianello è un mio cliente, ma perchè la reputo una pasticceria di classe che ama stupire e coccolare i propri clienti. ti consiglio di leggere http://www.cibbuzz.com/le-citta-di-cioccolato per capire l'atmosfera che si respira all'interno di Bastianello. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Da Bastianello 5 euro per una spremuta: e allora? Suvvia &quote;Italia Oggi&quote;...

    Posted by: giovanni

    se siete dei morti di fame la soluzione è una sola. "NON ENTRARE", e andare da Mcdonald's. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Milano.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano