Guerra fra gang sudamericane: gli Ms-13 massacrano a colpi di machete un connazionale di una gang rivale

Scritto da: -

gang.png

Di solito li vediamo nei telefilm americani, ambientati a Los Angeles: i Mareros, sudamericani vestiti in stile Hip-Hop, con bandane bianche e azzurre (i colori della bandiera di El Salvador) e tatuaggi che li ricoprono dalla testa ai piedi, compresa la faccia. Di solito i tatuaggi comprendono le lettere MS e il numero 13 scritti in caratteri gotici, le lettere SUR che significano sureño o southerner, le corna del diavolo, il nome della banda.

Sono gli appartenenti alla gang Mara Salvatrucha, meglio conosciuta come MS-13: la gang nasce negli anni 80 in California da immigrati salvadoregni con lo scopo difendere i connazionali dalle gang afroamericane e messicane. Ma passano presto a attività illecite come omicidi, furti, contrabbando e spaccio di droga, commercio di armi al mercato nero

Per entrare nella MS-13 bisogna superare prove durissime che vanno da un violento pestaggio per i ragazzi allo stupro di gruppo per le ragazze. Secondo gli Stati Uniti si tratta della più pericolosa gang di strada, e ora opera anche a Milano.

Ecco il video di una prova di iniziazione

La loro vittima stavolta è stato Ricardo, un ragazzo di 22 anni, a cui hanno sfregiato il volto e un occhio. Da quell'occhio non potrà più vedere. La sera del 13 luglio gli Ms-13 lo hanno massacrato a colpi di machete perché pensavano appartenesse a una gang rivale, la Maras 18.

Fuori dai cancelli di un centro sportivo lo hanno aspettato una trentina di ragazzi salvadoregni armati. Dopo averlo picchiato con bastoni e machete lo hanno lasciato agonizzante in mezzo alla strada. Ma Ricardo ha capito di aver avuto a che fare con i membri della temibile gang e ha fatto i loro nomi alla polizia. Antonio L. e Giovanni C. sono stati arrestati e hanno ammesso di aver preso parte al pestaggio, ma negano di aver colpito Ricardo con il machete staccandogli l'occhio.

Tutto perchè il capo della 18, di nome Renè, aveva osato tirare fuori il coltello per minacciare uno della 13 e la doveva pagare.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Guerra fra gang sudamericane: gli Ms-13 massacrano a colpi di machete un connazionale di una gang rivale

    Posted by: Nach

    se volete saperne di più sulle gang americane check this:www.asg-italia.blogspot.com Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Guerra fra gang sudamericane: gli Ms-13 massacrano a colpi di machete un connazionale di una gang rivale

    Posted by: sathiya

    im 18 from malaysia...can we be buddys... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Guerra fra gang sudamericane: gli Ms-13 massacrano a colpi di machete un connazionale di una gang rivale

    Posted by: bellodentro

    scusate se commento dopo quasi due anni, ma il video in questione non è un iniziazione per entrare  a fare parte della banda. L\'iniziazione si svolge con una persona che tiene delle quantità di sostanze nelle tasche, e viene picchiato da 3 o 4 persone se non di più, per 13 minuti, questa prova ha un suo significato, cioè la vittima deve essere picchiata e gli aggressori figurano la polizia, cioè la vittima deve riuscire a scamapre al pestaggio per non consegnare la droga che ha adosso. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Guerra fra gang sudamericane: gli Ms-13 massacrano a colpi di machete un connazionale di una gang rivale

    Posted by: Antigang

    Basta mettere al bando le leggi coccola delinquenti e applicare il codice penale che vigeva durante l \' Impero Romano , per debellare queste gang dei miei coglioni , per tutte le  città sature di questi delinquenti basta lasciar mano libera a 4 legioni di soldati e poi una volta arrestate tutte queste gang riservargli lo stesso trattamento che Roma all\'epoca usò per schiacciare  e debellare Spartaco.....ovviamente prima di essere inchiodati come  prassi di  ROMA S.P.Q.R. far  assaporare a questi componenti di gang la goduria del flagello....e poi vediamo chi viene dopo se ha voglia di comportarsi  civilmente e se tentennano di creare una nuova gang  dopo aver visto ciò che è accaduto prima di lui ! Una volta ROMA faceva presto altro che poverini bisogna capirli arrivano dal disagio , i poverini son ben altre persone come chi nasce senza arti , chi ha gravi disfunzioni fisiche di ogni genere non questi dementi che hanno la fortuna della salute e gettano tutto nel cesso perchè il loro cervello è saturo di cazzate....a questa marmaglia espianto degli organi e donarli a chi nasce sfortunato almeno così questi pandileros o come cazzo si chiamano loro sarebbero utili almeno a qualcosa! Scritto il Date —